Cinquantenario

Cinquant’anni fa ero un ragazzino e pure entusiasta della tecnologia spaziale… adesso siamo un po’ perplessi e disillusi ma come si fa a non esserlo?

Comunque voglio ricordare quanto scrissi esattamente 10 anni fa – e già allora ero piuttosto disilluso…

Qua invece il canale LIVE della NASA, in questi giorni celebrano il 50° della “conquista della Luna”. Beh, almeno loro disillusi ancora non sono 😐

Pubblicato in Tecnologie | Contrassegnato , | Lascia un commento

L’inizio della fine delle armi nucleari

Una nuova creazione multimediale, un film-documentario prodotto da “Pressenza”, una spinta ulteriore per chiedere ad alta voce un mondo senza atomiche.


Era un’idea nata un anno fa al fine di documentare la storia del TPNW, il Trattato per la proibizione delle armi nucleari. E alla fine concretizzata in un film-documentario, la cui versione in lingua originale è stata presentata a Santiago del Cile nel maggio scorso, mentre la versione inglese ha avuto la sua “prima” lo scorso giugno a New York.

Adesso Tony Robinson, co-direttore dell’agenzia giornalistica Pressenza e coautore del lavoro assieme a Alvaro Orus, dà l’annuncio che è stata completata la traduzione e il doppiaggio in italiano della pellicola. A Milano il prossimo 9 luglio la sua “prima” qua in Italia.  E’ poi possibile fin d’ora prenotare ulteriori proiezioni del film, distribuito in modo totalmente gratuito, contattando Silvio Bruschi silvio1959@gmail.com

Dalla pagina Youtube che Pressenza ha dedicato al trailer:

“Questo documentario evidenzia gli sforzi fatti per trasformare il trattato per vietare le armi nucleari in legge internazionale e il ruolo della Campagna Internazionale per Abolire le Armi Nucleari, ICAN, è raccontato tramite le voci di attivisti di spicco di diverse organizzazioni e paesi oltre al Presidente della conferenza ONU di negoziazione.

Questo documentario di 56 minuti trasporta lo spettatore attraverso una breve storia della bomba e dell’attivismo anti-nucleare che ha lottato per eliminarla fin dalla sua invenzione. Si sviluppa tra le iniziative umanitarie che hanno sfidato con successo la narrazione dominante della sicurezza e i passi storici che sono stati percorsi fin dal 2010 per trasformare il trattato da sogno a realtà. Infine, il film mostra quello che può essere fatto da ognuno per aiutare a rendere operativo il trattato e per stigmatizzare le armi nucleari finchè non siano finalmente eliminate.”

L’entità della contrapposizione tra il “no” dei Nuclear States (e dei propri alleati) con la scelta in positivo di altre 122 Nazioni nella votazione del Nuclear Ban sarebbe ridimensionata se si considerasse il volere dei popoli anziché dei propri governi. Basti pensare come via via tante amministrazioni cittadine, anche all’interno degli Stati contrari al TPNW, siano giunte ad approvare, anche con voto “trasversale”, mozioni e delibere per sollecitare le proprie istituzioni nazionali a una presa di posizione a favore della ratifica del Trattato.


Il trailer del filmato

Pubblicato in Disarmo nucleare | Contrassegnato , , | Lascia un commento

A un giro di boa

Come si dice, eccomi arrivato a un giro di boa. Sto per lasciare il mondo del lavoro – quello “tradizionale”, quello insomma dove bene o male ti arrivano dei quattrini in tasca – per arrivare a nuovi spazi, spazi aperti su cui poggiare o approfondire impegni forse più pertinenti allo spirito di volontariato che ancora rimane.

E magari anche per scrollarmi di dosso quella specie di pigrizia spesso generata dalla stanchezza interiore dovuta a mansioni non più incanalate sui binari delle mie antiche aspirazioni e competenze. Forse adesso respirerò più sano…

A quarant’anni dall’inizio della mia vita lavorativa, ripropongo quanto scrissi molti anni fa, a memoria delle vicende che mi portarono alla svolta, da studente già appassionato di tecnologia, a pioniere – in un certo senso – delle apparecchiature e del software per microprocessori.

Buona lettura!

Pubblicato in Prosa e Poesia, Tecnologie | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Parlando di Europa

A margine della serie di incontri programmati durante la campagna elettorale di Guido Sacconi candidato sindaco di Vaglia, ecco un video interessante.

Perché a dispetto di quel che è stato l’argomento clou nelle elezioni al Parlamento europeo dei giorni scorsi, avere un’Europa unita – pur con le sue imperfezioni e contraddizioni – è e rimane una garanzia. Una garanzia di pace (settant’anni di assenza di guerre tra i nostri Paesi già ha fatto di noi un’isola quasi felice nello scenario mondiale!) ma che porta anche altri vantaggi a cui pochi pensano: l’apertura delle frontiere, la moneta unica, la possibilità di libera circolazione delle merci e delle persone.

Ricordo com’era stata l’inflazione nei decenni passati quando avevamo ancora le lire in tasca, e parlo di numeri a due cifre! E se si è accusata poi la moneta unica ad avere provocato presto un dimezzamento del potere di acquisto, facendo invece un po’ di conti e ragionando sul rapporto ufficiale di 1936,27 lire per ogni euro, mi dà l’idea che non sia stata la moneta unica a farlo crollare ma una sorta di “arrotondamento” che già da subito il mondo del commercio ha in un certo senso adottato, un euro mille lire e così sia…

Non so se i sovranisti nostrani e di altre nazioni del continente abbiano valutato tutto questo. Ma una sottile insinuazione s’intrufola adesso nella mia mente: che la spinta alla disgregazione non sia in qualche modo suggerita o almeno presa in simpatia dai Grandi del Mondo?

Come si diceva? ah, “Divide et impera”. E buonanotte all’Europa continente forte in mezzo ai due (o tre) blocchi di potere in questo mondo in balia della tempesta.


Ed ecco il video. Interventi di Guido Sacconi candidato sindaco di Vaglia; Vannino Chiti ex Presidente della Commissione parlamentare Politiche EU; Fiammetta Capirossi Consigliera regionale Commissione istituzionale per le politiche europee.

Pubblicato in Politica | Contrassegnato , , , | Lascia un commento